Il Pesa-Nervi

«Lei parla a vanvera, giovanotto!
No, penso a dei critici con la barba».

Il pene più grande dell'universo

Passano le generazioni, il mondo diventa sempre più tecnologico, cambiano i rapporti familiari, ma c'è qualcosa che rimane uguale nei secoli: la curiosità (o la preoccupazione) intorno alle misure dell'organo maschile

L'antefatto

Come ben sanno i gestori di siti web, per ogni pagina che viene visitata è possibile risalire, tramite l'analisi delle statistiche di accesso, all'indirizzo della precedente pagina web - se ce n'è una - che è stata visitata dall'utente. In gergo tecnico tali pagine precedenti si chiamano referrers, cioè "referenti", perché contengono di solito un collegamento diretto ad almeno una pagina del proprio sito.

Nel caso la pagina precedente visitata appartenga a motori di ricerca (Google, Altavista, MSN, Yahoo!, Virgilio, ecc.), è possibile conoscere anche la query, cioè la serie di parole con cui l'utente ha interrogato il motore di ricerca. Si tratta di un'informazione particolarmente utile per chi amministra un sito, perché consente di farsi un'idea relativamente precisa di quali sono gli interessi che spingono i visitatori a consultarne le pagine. Confrontando per esempio le query usate dai visitatori con gli argomenti trattati nelle pagine di un sito, si può scoprire se vi sia attinenza tra l'oggetto delle ricerche e il contenuto del sito.

Si può anche scoprire se vi siano in quelle pagine delle parole-trabocchetto, che - sfruttando l'incapacità dei motori di ordinare i risultati in base alla semantica dei contenuti piuttosto che in base alla grafia delle parole - sono usate per attirare visitatori che hanno tutt'altri interessi. Si tratta di un trucco che è stato ampiamente sfruttato, in passato, dai gestori di siti pornografici. Riempiendo alcune pagine-civetta di parole che riguardano temi completamente differenti (musica, sport, affari, oroscopi, ecc.), quelle pagine possono finire facilmente tra i risultati di ricerche che mirano a trovare contenuti che non hanno nulla a che fare con la pornografia.

Può capitare anche, però, che le parole-trabocchetto siano tali solo per caso: chi ha composto le pagine non le ha inserite per attirare subdolamente nuovi visitatori, ma solo perché appropriate al contesto, necessarie al contenuto che si intendeva trattare. E' il caso tipico delle parole polisemiche, che possono avere differenti significati a seconda del contesto: sono tali ad esempio "collo" (pacco o parte del corpo), "mano" (arto o turno nei giochi di carte), "piede" (arto o unità di misura).

Sono parole-trabocchetto solo per caso - e qui veniamo all'argomento vero e proprio di questo articolo - anche "pene" ed "erezione", che ho utilizzato nella pagina di statistiche del Pesa-Nervi, all'interno della seguente frase: 5 cm. la lunghezza media del pene in erezione di un gorilla. Lo scopo di quella frase non era attirare visitatori interessati al sesso e alle misure dell'organo maschile, bensì chiudere un piccolo blocco di curiosità statistiche, messe di seguito alle statistiche vere e proprie relative agli accessi conteggiati sul Pesa-Nervi. L'idea era di mitigare l'aridità delle cifre, aggiungendovi delle curiosità più o meno interessanti o divertenti.

Mai avrei immaginato che quelle due parole, "pene" ed "erezione", sarebbero diventate lo specchio per le allodole di quasi duecento ricerche compiute negli ultimi mesi, le quali hanno rimandato alle pagine di questo blog - immagino con profonda delusione - lettori per nulla interessati alle curiosità statistiche sui gorilla, ma molto interessati, invece, alla fisiologia e alle misure dell'organo maschile.

Ciò che segue è un resoconto di tali ricerche, che fornisce uno spaccato di preoccupazioni e curiosità molto umane ed antiche, che si intuiscono dietro le sequenze di parole usate per interrogare i motori di ricerca. La cosa interessante, a mio parere, è che, essendo "pene" ed "erezione" termini scientifici, le ricerche che li adoperano mettono a nudo un interesse di natura conoscitiva, che finisce con l'essere rivelatore dei timori e dei pensieri degli anonimi ricercatori ben più di quanto lo sarebbero state delle ricerche che avessero usato gli equivalenti volgari di quelle parole.

Peni di tutte le età

Che la dimensione del pene sia una preoccupazione fissa degli adolescenti anche nel 2005, lo dimostrano le seguenti stringhe di ricerca, che riporto pari pari dall'elenco dei referenti tratto dalle statistiche del Pesa-Nervi:

L'ultima interrogazione dimostra, se ce ne fosse bisogno, quanto la ricerca di informazioni sulla dimensione del pene non nasca da un'astratta curiosità intellettuale, ma dalla necessità di rapportare i dati a se stessi: "ragazzi di oggi, mi raccomando, non quelli di trent'anni fa", sembra voler dire l'anonimo navigante al motore di ricerca interrogato.

Peni di tutto il mondo

[Composizione fotografica umoristica]Ecco ora alcune stringhe di ricerca che allargano il problema al mondo intero:

Essendo tali ricerche in lingua italiana, dovrebbero essere state fatte da italiani, a dimostrazione forse di un desiderio di confrontare la "dotazione" media nostrana con quella tipica di genti straniere, di gruppi umani molto vasti (europei, asiatici, ecc.) o addirittura dell'umanità intera. Allo stesso filone va fatta risalire, probabilmente, anche la seguente interrogazione:

Dove però non si capisce bene se s'intende che sia nero solo il pene (colpa di una martellata?) o anche l'essere umano a cui appartiene.

Peni nazionali

Inutile dire che la parte del leone, nelle ricerche che ho registrato, la fanno le misure nazionali:

Come potete vedere, si tratta di molte variazioni di un unico concetto (e ho eliminato dall'elenco tutte le occorrenze esattamente uguali). C'è però anche chi si vuole distinguere per mania di precisione:

Come non vedere in quest'ultima interrogazione le tracce lasciate da un abitante della Padania, terra di celti, dotati di misure evidentemente non paragonabili a quelle del resto degli italiani?

Peni animaleschi

La curiosità, naturalmente, non si ferma ai soli esseri umani. Sono molto gettonate, nelle ricerche, le dimensioni del pene degli animali, sia in generale sia con riferimento ad alcune specie notoriamente "ben dotate":

Ma non ci sono solo gl'interessati alle misure extralarge. Ci sono anche i cultori dell'infinitamente piccolo:

come pure i cultori dell'infinitamente grande:

E per concludere con gli animali, la ricerca di un aspirante veterinario:

Peni straordinari

In tanta varietà, non potevano certo mancare le ricerche di peni da Guinness dei primati:

Se possono stupire i 70 centimentri della precedente interrogazione, la seguente ricerca lascia invece perplessi più che stupiti:

Che vorrà dire quell'accostamento tra roccia e pene? Suppongo che la geologia non c'entri nulla. Si tratta forse di una ricerca che punta a scoprire informazioni su una caratteristica dell'organo maschile diversa, per una volta, dalla lunghezza: ciò che interessa all'ignoto ricercatore è la consistenza, che, per essere da record, non può essere meno che rocciosa.

Scienziati del pene

[Composizione fotografica umoristica]In questa sezione ho raccolto le interrogazioni che sembrano nascere da un interesse scientifico, che quantomeno si affianca alle bieche ragioni di autorassicurazione circa le caratteristiche salienti del proprio organo. Cominciamo dai ricercatori di tabelle e classifiche di lunghezza approvate ufficialmente dalla scienza:

Calibrato:

A colori:

Regale:

Politicizzato:

A saperlo cos'è!

A trazione integrale:

Misure, peso e durata del pene:

Misterioso, infine, il senso di questa ricerca. Forse l'autore cercava notizie su erezioni per cause nervose:

Dove non arriva la natura...

Se la dotazione naturale non soddisfa, il web può essere una miniera d'informazioni, consigli e strumenti ad hoc. Quasi sempre si tratta d'indurire e d'ingrandire:

Ma c'è anche qualcuno che forse ha il problema opposto, alla faccia degli invidiosi:

Un'immagine vale più di mille parole...

[Composizione fotografica umoristica]Sì, va bene, trovare informazioni testuali è importante, le tabelle di statistiche sicuramente aiutano a capire, ma vuoi mettere una bella fotografia? La categoria dei cercatori d'"iconografia penica" è tra le più nutrite, e si può dividere a sua volta in due sottogruppi: i cercatori di immagini scientifiche e i cercatori di immagini sensazionali. Cominciamo dai primi:

Ed ecco i cacciatori di record e di forti impressioni. In queste ricerche l'accento è, come quasi sempre accade, sulle dimensioni:

In quest'altro caso, invece, l'accento è posto sulla reazione soggettiva alla straordinaria (immaginata) visione:

... ma anche i discorsi hanno la loro importanza

Meglio essere preparati e sapere in anticipo a che tipo di commenti si va incontro, se sfortunatamente si viene a sapere in giro che si soffre di un certo problema:

A qualcuno sarà sembrato che le informazioni e i pareri trovati in rete non siano mai abbastanza. Eccolo allora cercare una soluzione corale per le proprie preoccupazioni:

Tuttavia è inutile stare ad angustiarsi. In fondo - lo sappiamo - l'unica cosa che conta davvero, in tutta questa vicenda, è l'opinione del gentil sesso. Ecco perciò una ricerca che va veramente al nocciolo della questione:

Ricerche strane e inclassificabili

A quest'utente non veniva in mente la parola "erezione". Dubito che "in tiro" gli sia servito per trovare ciò che cercava:

Segue una query incomprensibile. L'autore cercava forse un articolo di Ferrara sul Foglio, contenente una qualche compromettente forma di outing?

Quali tipi di giochi possono cambiare le dimensioni del pene? Bisognerebbe chiederlo all'autore della seguente ricerca:

A quest'altro chiederei perché pensa che il regime "carcerario" possa influenzare le dimensioni dell'organo maschile:

Siamo sicuri che qui l'esuberanza non sia piuttosto del padrone?

Qualcuno ha cercato conforto per le proprie preoccupazioni, informandosi su come se la passino i personaggi famosi:

Non poteva mancare, in tanto elenco, una bella evirazione. Il fatto di cronaca a cui si fa evidente riferimento mi è ignoto:

Passiamo adesso ad una situazione piuttosto imbarazzante: cosa fare se capita un'erezione davanti a un'infermiera? Anche in questo caso dubito che la ricerca abbia dato esito positivo:

Qui entriamo invece nel campo delle perversioni... oppure si cerca una nonna dallo strano soprannome:

E siamo giunti all'ultima query che presento in questo articolo. Qualche lettore forse se lo stava chiedendo: come mai nessuno ha pensato di fare una ricerca che mettesse insieme il membro virile (come lo definiscono i vocabolari) e l'uomo che, bene o male, domina le cronache italiane da oltre un decennio? Non temete, qualcuno l'ha fatto:

Resta da vedere se la parola "pene", usata in questa ricerca in accoppiata con "berlusca", non sia da intendersi come femminile plurale (sinonimo quindi di "punizioni" o di "patimenti") piuttosto che come maschile singolare: il riferimento ai tanti processi in cui l'attuale Presidente del Consiglio è stato ed è coinvolto è fin troppo facile. Ma ognuno scelga l'accezione che preferisce...

Commenti dei lettori

  1. Commento di Old Jacques - 8/10/2005 ore 22,39

    Ma l'ultimo ce lo potevi risparmiare senza dubbio: si sarà trattato sicuramente di un tentativo (virtuale, ovviamente) di risalire alla quantita' cumulativa delle sanzioni dovute per reati comessi dal <span lang="en">Dictator</span> piu' amato dagli italiani.

    Non citi che un'altro delle interpretazioni di pene è anche quella: un quantità maggiore di uno di punizioni per crimini comessi (anche se sarà difficile che verrà mai scontato un giorno nel caso di "pene berlusca" vista la quantità vastissima di avvocati a disposizione).

    Per cui alla tua osservazione aperta "Non so onestamente cosa abbia trovato." te lo dico io:

    Niente, con avvocati a sufficienza si riesce far perdere traccia di qualsiasi cosa.
    Nonostante le prove al contrario (magari anche figli riconosciuti) il Premier non ha mai avuto esperienza con "pene" di nessun tipo.
  2. Commento di Michele Diodati - 9/10/2005 ore 0,11

    Certo James, lo sapevo che "pene", riferito a Berlusconi, poteva intendersi soprattutto come pene inflitte in giudizio. Ho giocato volutamente sul doppio senso della parola. Del resto non abbiamo nessuna certezza che l'autore della ricerca abbia usato "pene" come femminile plurale piuttosto che come maschile singolare...
  3. Commento di Old Jacques - 9/10/2005 ore 1,30

    Almeno tu lo cedi il beneficio del dubbio, cosa che trovo probabilmente generoso oltre ragionevole misura in questo caso (in'italia sembra che "innocente fino alla prova della copevolezza", si ispira a "colpevole, forse, ma tanto si passerà una legge per provare l'innocenza non appena che si riesce...").

    Ma forse meglio non cominciare discuttere di politica e presidenti e pene (maschile singolare o feminile plurale che siano) visto il "slippery footing" di alcuni recenti presidenti e speranzose future coniugi candidati anche americani (e per "footing" non sto parlando di corse, particolarmente corse alla presidenza...)
  4. Commento di Michele Diodati - 9/10/2005 ore 10,36

    James, mi hai convinto. Ho modificato la conclusione dell'articolo in modo da rendere esplicita l'ambiguità di significato della parola "pene". Spero che il nuovo finale sia di tuo gradimento :-)

    A proposito: come tradurresti in italiano "slippery footing"?
  5. Commento di vincenzo - 9/10/2005 ore 21,26

    Michele,
    incuriosito da tuo articolo ho provato a digitare su google qualcuna delle stringhe che elenchi e oltre a scoprire cose che ignoravo (ma saranno vere?) ho constatato che ora il Pesa Nervi è al top su google per tutte le ricerche fatte con quelle stringhe.
    Pensa che delusione per tutti gli interessati alla fisiologia del pene quando si troveranno davanti le tue riflessioni :-)
    vincenzo
  6. Commento di Michele Diodati - 9/10/2005 ore 23,13

    Pensa che delusione per tutti gli interessati alla fisiologia del pene quando si troveranno davanti le tue riflessioni :-)

    Eh sì, lo immagino. Ma chissà che leggere un articolo umoristico sulla domanda universale e ancestrale circa le dimensioni "giuste" dell'organo maschile non serva a dare ai tanti ricercatori che capiteranno qui un aiuto a raggiungere un più distaccato punto di vista sulla questione? ;-)

    Ciao,
    Michele

  7. Commento di Tommaso - 10/10/2005 ore 1,35

    Signor Diodati,
    le invio un commento "filologico" sulla stringa «erezione vicino all'infermiera». Non ho molti e circostanziati riferimenti, ma un vecchio programma televisivo delle reti (allora) Fininvest, basato sul format della "candid-camera", trasmise in una puntata una gag con Emilio Fede protagonista visitato da una procace infermiera (sarebbe di lì a poco diventata attrice per un film di Tinto Brass). Il giornalista ebbe una vistosa erezione, ma questo è un altro discorso!
    Buona scrittura
  8. Commento di Michele Diodati - 10/10/2005 ore 12,31

    Grazie a Tommaso per l'opportuno riferimento "storico"... Ma a quell'uomo, dico io, (parlo di Fede) non bastava già il suo telegiornale per squalificarsi? Anche l'erezione con l'infermiera doveva aggiungerci?
  9. Commento di FraFra - 15/10/2005 ore 21,49

    De André cantava:

    "Cosa vuol dire avere
    un metro e mezzo di statura,
    ve lo rivelan gli occhi
    e le battute della gente,
    o la curiosità
    d'una ragazza irriverente
    che vi avvicina solo
    per un suo dubbio impertinente:
    vuole scoprir se è vero
    quanto si dice intorno ai nani,
    che siano i più forniti
    della virtù meno apparente,
    fra tutte le virtù
    la più indecente."

    Ora capisco perchè gli italiani eleggono certi presidenti del consiglio... :-)
  10. Commento di PHENIX - 10/1/2006 ore 14,26

    SEI UN GENIO!!!!!
  11. Commento di luca - 17/1/2007 ore 17,08

    io ho tredici hanni ed ho un pene lugo quindici cm
    è molto lungo!
  12. Commento di ilaria freddo - 22/1/2007 ore 18,12

    secondo me oltre hitler nessuno avrebbe mai fatto una cosa del genere e mi chiedo cosa ci trovava di bello?bè a questa domanda non so
    rispondere
  13. Commento di ilaria freddo - 22/1/2007 ore 18,17

    che cosa è il pene
  14. Commento di loverock - 11/9/2007 ore 3,53

    Questo tuo articolo è bellissimo l'ho linkato sul mio blog dove per l'appunto gli utenti arrivavano attraverso parole chiavi simili a quelle da te elencate ora ho finalmente diciso di soddisfare la loro curiosità! se ti va vai pure a leggerlo!
    Un saluta loverock!
    ah, questo è il post:

    http://absurdityisnothing.blogspot.com/2007/09/il-pene-pi-grande-del-mondo.html
  15. Commento di Michele Diodati - 11/9/2007 ore 5,55

    Complimenti, Loverock. Il tuo blog è molto interessante (le curiosità sono notizie spesso erroneamente ritenute secondarie).
  16. Commento di loverock - 13/9/2007 ore 2,14

    Grande, grazie per i complimenti, se vuoi possiamo fare uno scambio di link..
    fammi sapere, anche sul mio blog eventualmente..
    Ciaoo Simone
  17. Commento di fuocoamare - 5/11/2007 ore 1,38

    Ehilà! tutto molto divertente, complimenti!
    Comunque ho la risposta all'ultimo punto di "peni straordinari", ma si può capire solo guardando l'immagine. Se interessa può essere richiesta a questo indirizzo e-mail: fuocoamare@yahoo.it
    ciao a tutti
  18. Commento di carlo - 10/1/2008 ore 0,18

    siamo tutti pazzi o forse lo stiamo diventando, magari anche grazie ad internet. Comunque simpaticssimo l'articolo.
  19. Commento di toro81XD - 18/12/2008 ore 0,58

    forse con roccia pene in erezione cercavano il rapace :) è una roccia che si trova in sardegna appunto a forma di pene in erezione XD

Articolo di Michele Diodati pubblicato il  8/10/2005 alle ore 14,10.

Indice del Pesa-Nervi | Diodati.org

Inizio pagina.