Il Pesa-Nervi

«Lei parla a vanvera, giovanotto!
No, penso a dei critici con la barba».

Marzo

Una notissima poesia di Salvatore di Giacomo

Da ieri su Roma, almeno nella zona dove abito io, si susseguono improvvisi scrosci di pioggia e schiarite con cielo pieno di Sole... Be', niente di strano, è il tipico tempo di Marzo, infatti.

Il fenomeno atmosferico mi ha riportato però alla mente una bellissima (e notissima) poesia di Salvatore di Giacomo, grande poeta dialettale napoletano, intitolata appunto "Marzo". Eccola qui:

Marzo

di Salvatore di Giacomo (1898)

Marzo: nu poco chiove
e n'ato ppoco stracqua:
torna a chiovere, schiove,
ride 'o sole cu ll'acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n'aria cupa e nera:
mo d' 'o vierno 'e tempeste,
mo n'aria 'e primmavera.
N'auciello freddigliuso
aspetta ch' esce 'o sole:
ncopp' 'o tturreno nfuso
suspireno 'e vviole ...

Catarì... Che buo' cchiù?
Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu 'o ssaie, si' tu,
e st'auciello songo io.

Articolo di Michele Diodati pubblicato il  24/3/2004 alle ore 16,18.

Indice del Pesa-Nervi | Diodati.org

Inizio pagina.