Il Pesa-Nervi

«Lei parla a vanvera, giovanotto!
No, penso a dei critici con la barba».

Il blog 'Memoria dello Spazio' e il libro 'Spazio 2012'

Una duplice segnalazione per gli appassionati di astronomia: 'Memoria dello Spazio', un nuovo blog di Michele Diodati, e 'Spazio 2012', un ebook di astronomia dedicato a curiosità e scoperte astronomiche, aggiornato a novembre 2012.

[La prima pagina del blog 'Memoria dello Spazio']

Lo confesso, non sono mai stato un cultore dell'osservazione sul campo. Dell'astronomia mi attira soprattutto il piacere di provare a immaginare quei mondi infinitamente lontani, grazie alla capacità della scienza di tradurre i valori di ogni singolo fotone registrato da un sensore in informazioni che descrivono accuratamente anche ciò che gli strumenti non sono in grado di mostrarci (almeno non ancora). Così, i freddi numeri su un nuovo sistema planetario scoperto con il metodo del transito mi permettono di rappresentarmi mentalmente quei tre pianeti in orbita intorno alla loro stella, Kepler-30: pianeti che nessun astronomo ha mai visto, uno grande come Nettuno, uno più di Giove, uno come Saturno. Non li vediamo eppure sappiamo che sono lì, presso quella stella così simile al Sole, a diecimila anni luce da noi.

Memoria dello Spazio si rivolge a lettori che condividono questa passione per i dati usati come innesco per l'immaginazione. Certamente immagini e grafici arricchiscono gli articoli e li rendono più accattivanti. E qui ne troverete in abbondanza: i grandi telescopi terrestri e spaziali fanno a gara per sorprenderci di continuo con immagini meravigliose di nebulose e ammassi globulari, di galassie a spirale, di oggetti esotici. Sonde lunari e marziane ci mostrano la superficie della Luna e di Marte con un livello di dettaglio senza precedenti. Abbiamo immagini di prima mano da Saturno, da Mercurio, da Vesta, fra qualche anno le avremo persino da Cerere e da Plutone. Ma, in ultima analisi, neppure Hubble, con la sua squisita risoluzione, è in grado di mostrarci i dettagli fisici di un pianeta extrasolare, di una stella di neutroni, di un lontano quasar. Quando nessun telescopio può aiutarci, dobbiamo supplire con la fantasia, usare l'immaginazione per trasformare in immagini di stelle e sistemi planetari i dati che gli astronomi ricavano attraverso complessi calcoli. I raffronti ci danno la misura delle cose e ci guidano nel compito.

'Spazio 2012', il libro

Qual è la stella più massiccia finora scoperta? Come sono nati gli anelli di Saturno? Cosa sono le sfere di Dyson? Com'era fatta l'astronave interstellare del Progetto Daedalus? Quanto ci avrebbe messo per arrivare nei pressi della stella di Barnard? Com'è stato scoperto un pianeta di massa terrestre intorno ad Alfa Centauri B? È possibile deviare un asteroide in rotta di collisione con la Terra dipingendolo di bianco? Come si fa a calcolare la distanza esatta del Sole dalla Terra? Cosa si nasconde nella misteriosa Nebulosa Homunculus? Com'è stato scoperto un buco nero da quattro milioni di masse solari nel centro esatto della Via Lattea?

No, non è il sommario di una puntata del "Kazzenger" di Crozza, ma una piccola parte delle domande a cui questo libro risponde. Lo fa con le risposte della scienza, costruite intorno a fatti documentati, misure, numeri, osservazioni astronomiche. Il tutto aggiornato a novembre 2012.

[La copertina del libro 'Spazio 2012']

"Spazio 2012" raccoglie in forma di ebook trentacinque dei migliori articoli pubblicati su Memoria dello Spazio. I contenuti sono stati tutti rivisti e talvolta riscritti, per adattarli alla pubblicazione in forma di libro.

"Spazio 2012" può essere acquistato in formato EPUB e MOBI. Prossimamente si aggiungerà il formato PDF. Costa € 1,99: un prezzo accessibile anche alle tasche più parsimoniose.

Ecco alcune delle librerie online presso le quali è già disponibile (altre si aggiungeranno nei prossimi giorni):

Articolo di Michele Diodati pubblicato il  28/5/2012 alle ore 15,33.

Indice del Pesa-Nervi | Diodati.org

Inizio pagina.